STORIA DELL’A.S.D. LIVENTINA

Unione Sportiva

LIVENTINA

… e, la storia inizia …

nella primavera del 1969

 

Nella primavera del 1969, un gruppo di persone, già operanti nell’oratorio S. Pio X° di Sacile, vengono coinvolte e convinte dall’allora Arciprete della parrocchia di Sacile Mons. Santin Don Aldo ad organizzare le attività sportive dell’oratorio.

Da alcuni anni, infatti, era venuta meno, per cessata attività, la gestione sportiva da parte u. s. Casagrande che fin dagli inizi si era occupata con successo delle attività sportive organizzate nell’oratorio.

Proprio in quel periodo a Sacile veniva a mancare quell’attività sportiva primaria per i ragazzi…. “il calcio”. La società sportiva Sacilese, infatti, si occupava della squadra dilettanti e di una seconda squadra chiamata “juniores” impiegando un buon numero di atleti ma tutti di età non giovanissima.

Ecco che questi volenterosi, entusiasti dell’idea proposta loro dal Mons. Santin, chiamano a raccolta tutti i ragazzi dell’oratorio per dar vita ad un processo sportivo organizzato, ed anche se con mille difficoltà, riescono solo con la loro buona volontà, a dar vita ad una prima squadra ufficiale iscritta regolarmente al primo campionato federale di calcio “giovanissimi”.

 

Nasce così: L’UNIONE SPORTIVA LIVENTINA.

 

Vengono solo decise poche regole interne quali, i colori sociali: il bianco della purezza e l’azzurro del cielo; lavorare con i ragazzi di Sacile; dare ordine e disciplina sportiva in un oratorio che in quel momento era un po’ allo sbando; affidare l’educazione sportiva dei ragazzi a persone capaci e di massima affidabilità morale.

Questa è stata sicuramente la ricetta semplice nella quale si sono rispecchiati, e lo fanno tuttora, un gran numero di dirigenti, genitori, e tutti i ragazzi di Sacile che frequentavano l’oratorio. Ricetta semplice, ma vincente, che anche in anni più recenti ha dato e sta dando eccellenti risultati grazie ad un gruppo di dirigenti preparati ed appassionati tra i quali si possono annoverare, con soddisfazione, ex ragazzi giocatori, oggi uomini, che con la stessa grinta ed entusiasmo portano avanti una attività sportiva che li vede protagonisti da oltre un trentennio. 

Molte negli anni anche le collaborazioni con le altre società di calcio prima fra tutte la società sportiva Sacilese, con la quale, in passato, era stato concordato un proficuo lavoro di collaborazione approdato a eccellenti risultati …… ma si sa gli anni cambiano e con loro anche le persone.

Una memoria ed un ringraziamento particolare credo sia doveroso rivolgerlo al “mister” per eccellenza del settore giovanile Ovidio Colomberotto che negli anni settanta e per oltre un decennio ha guidato, con grandi risultati morali e sportivi, le squadre della Liventina alla conquista dei vertici nei campionati regionali del settore giovanile. Quasi tutti i ragazzi di Sacile in quegli anni hanno sicuramente imparato da Lui qualcosa di importante.

 

questa è la foto storica della prima squadra dell’ Unione Sportiva LIVENTINA

liventina 1969

 siamo nella primavera del 1969.

la squadra partecipa al primo campionato giovanissimi F.I.G.C.,

mai prima disputato nella provincia di Pordenone

 

… e, la storia continua …

Anche con il passare degli anni lo spirito di allora rimane inalterato e le regole rimangono sempre le stesse. Il motto era ed è rimasto:

 

“DA SEMPRE CON I GIOVANI E PER I GIOVANI”

 

Nel frattempo nascono altre tre società che si occupano di settore giovanile ma, rinnovando l’ impegno profuso nel passato e pur tra molteplici difficoltà,  l’ Unione Sportiva Liventina raccoglie continue soddisfazioni con il raggiungimento di tre finali provinciali consecutive, il titolo provinciale allievi nel 2004-2005, la partecipazione a campionati regionali, la vittoria e ottimi piazzamenti a vari tornei.       

A partire dagli anni ottanta, per dare uno sbocco sportivo ai ragazzi che per età uscivano dal settore giovanile, l’Unione Sportiva Liventina estende la sua attività anche ad una prima squadra che partecipa, con alterne fortune, ai campionati dilettanti di categoria e ad una squadra juniores con la quale vince nel 2001-2002 anche un titolo provinciale. La prima squadra milita in 1^ categoria utilizzando principalmente ragazzi del proprio settore giovanile.

Sempre in quel periodo si trasferisce dall’oratorio di via Carducci, allo storico impianto sportivo “Ermanno Sfriso” di via martiri Sfriso.

Oltre a queste attività la società organizza e ospita eventi di aggregazione sportiva importanti, basti ricordare il torneo Gigi Naibo, ha ospitato gironi di alcune edizioni del torneo internazionale Gallini. Va ricordato anche l’incontro di calcio disputato il 16/03/2005 presso il campo Sfriso tra le nazionali under 16 di Italia e Ungheria.